• Questo blog ti farà da “bussola” per “ORIENTarti” tra le diversità e le somiglianze che caratterizzano religione e cultura di Oriente e Occidente

  • 26.3.13
    Le parole di pochi giorni fa di Papa Francesco sulla volontà sua e della Chiesa cattolica di “intensificare il dialogo tra le varie religioni, anzitutto quello con l'Islam” ridanno nuovo slancio alle relazioni tra il mondo cattolico e quello musulmano e trovano conferma e appoggio da parte di tutti quei cristiani e musulmani che, quotidianamente, a volte con molte difficoltà, si adoperano per migliorare e intensificare il dialogo interreligioso al fine di renderlo più significativo e arricchente per tutti

    I rappresentanti del mondo arabo-musulmano hanno accolto l’invito del nuovo Vescovo di Roma con grande apprezzamento; tra questi, il Gran Imam dell’Azhar, Ahmed el-Tayyeb, la massima istituzione dell’Islam sunnita, auspica “un mondo pieno di cooperazione e amore per assicurare valori comuni e mettere fine alla cultura dell’odio e della disuguaglianza”. Dello stesso avviso, sembra essere l’Imam Yahya Pallavicini, vicepresidente della CO.RE.IS. (Comunità Religiosa Islamica) italiana, già tra i 138 sapienti musulmani internazionali che hanno sottoscritto il documento “Una Parola comune tra noi e voi”, indirizzato alle comunità religiose cristiane. In una intervista su Famiglia Cristiana del 18/03/2013, l’Imam Pallavicini sottolinea senza mezzi termini quanto, oggi più che mai, sia auspicabile un dialogo interreligioso per un mondo unito nella pace. No a un sincretismo religioso ma un rispetto delle declinazioni e dei riti di ciascuno. Pallavicini crede, inoltre, che il dialogo tra le religioni non debba diventare pacifismo demagogico o assistenzialismo buonista: bisogna essere convinti della reciproca fratellanza spirituale, saper riconoscere l'essenza del divino che accomuna i credenti.

    Per dirla con le parole di Papa Francesco: “Pur nella diversità, vinca il desiderio di costruire legami tra tutti i popoli”.

    Sono presenti 0 commenti

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa